GIORGIA BELLOTTI

_DSC1031GIORGIA BELLOTTI

è nata e cresciuta in un piccolo paese della provincia di Bologna, nell’Appennino Tosco emiliaono. Fin da piccola mostra interesse nelle discipline artistiche e crescendo inizia il suo percorso con la pittura, con la quale realizzerà diversi lavori su commissione. Si avvicina successivamente da autodidatta al mondo della grafica. Nel 2012 frequenta un corso per apprendere le nozioni base della fotografia, scoprendo in essa la sua più congeniale dimensione artistica. Molto legata al suo territorio, Giorgia comincia a fotografare le bellezze dei luoghi che l’hanno vista crescere e dal 2017, spinta dall’esigenza di esprimere il suo universo interiore, inizia a fotografarsi. L’ambiente che la circonda è co-protagonista della scena insieme a lei e strumento per descrivere la sua sfera emotiva. Le sue foto non sono mai studiate e pensate in anticipo, ma bensì  frutto della parte più intima e istintiva di sé. Comincia così un viaggio nell’ inconscio alla scoperta della propria identità. Giorgia utilizza l’autoritratto per vedersi, guarirsi, cercarsi, senza mai svelare il suo volto. Una strada per tornare là dove tutto è cominciato, o finito. Il punto che l’ha resa ciò che è diventata. Una terapia, la cura.

Esposizioni: Ethereal – A daily poetry – International Photo Expò, Galerie Joseph Turenne, Parigi – 17/19 maggio 2019, a cura di Laura Tota e Martin Vegas; Paratissima Art Fair – Phocus, Ex Accademia Artiglieria – Torino – 30 ott / 3 nov 2019, a cura di Laura Tota; Auto-Ritratto, Contemporary Photography Exhibition, AD-Gallery – Firenze – 9/16 novembre 2019, a cura di Alberto Desirò; ADG – Confine, Photo Contest, Sala del Basolato, Fiesole FI – 18/25 gennaio 2020, a cura di Alberto Desirò.

GIORGIA BELLOTTI PER ENDOXA

AUTORITRARSI

INTO THE WOODS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: