Categoria: NARRATIVA

LE DUE VERSIONI

PEE GEE DANIEL   1. Prospettiva etica Simona non c’è più. Un destino precoce e crudele l’ha voluta portar via all’affetto dei suoi cari, come si legge nei necrologi, al legame con la cara mamma, agli abbracci del figlio adorato, ma soprattutto all’amore incondizionato del marito.

Continua a leggere LE DUE VERSIONI

UNO SGUARDO SUL NULLA

TONY KARED Era una donna dall’aspetto ancora giovanile, nonostante l’espressione tesa, dolorosa, del volto, i solchi nasolabiali scavati. Indossava sempre tailleur di colore scuro a cui abbinava profumi floreali molto delicati, creando uno strano contrasto tra l’austerità del portamento e la delicatezza che si percepiva standole vicino. Nella conversazione inseriva spesso citazioni in francese, parole…

Continua a leggere UNO SGUARDO SUL NULLA

BREVE SCHERZO SULLA NECESSITÀ DEL NARCISISMO

MATTIA DE FRANCESCHI Si consideri l’universo, nella sua complessità: finito od infinito, divina emanazione o marchingegno auto-ordinatore emerso da millenni di caos, in ogni caso titanico e sublime, vasto e incommensurabile, descrivibile con onestà solamente attraverso lunghe litanie che dettaglino una fondamentale incapacità di com-prenderlo autenticamente. Ma ecco venire l’uomo, esile vagabondo nativo del centro…

Continua a leggere BREVE SCHERZO SULLA NECESSITÀ DEL NARCISISMO

TRE COSE DI LEI

TONY KARED   Tre cose di lei: il profumo, quel modo di sedere con le gambe impercettibilmente dischiuse, lo sguardo di neve. «E come si sta a Madrid?». Le sistemai il braccio in modo che la mano si posasse sul ginocchio scoperto. «È bellissima. Adoro questa gente, e il professor Abigal è un ospite squisito…».…

Continua a leggere TRE COSE DI LEI

L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI

GAIA FORMENTI Mi ricordo perfettamente la prima volta che mi sono innamorata. Avevo quattro anni. Il bambino in questione, ricci e aria strafottente, si aggirava inquieto nella penombra del pisolino pomeridiano e molestava chi gli capitava a tiro. Se qualcuno si ribellava lui rideva sardonico e diceva qualcosa tipo cosa dormi a fare? Vuoi perdere…

Continua a leggere L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI

I FEEL LOVE

MARY BARBARA TOLUSSO Io non ho mai capito perché alcuni non capiscono che per capire se piacete a un’altra persona c’è un metodo molto semplice: vi cercano. ti cerca: piaci. non ti cerca: non piaci. esclusi i narcisi che anche se stanno vomitando sul cesso per te, non ti cercheranno mai. be’ comunque, non è…

Continua a leggere I FEEL LOVE

L’AMOR TISICO

SAVERIO FATTORI In treno di ritorno da Trieste, mi togliesti le residue speranze. Mi avevi scritto Pensa al mare, pensa ad altro. Non pensarmi. All’altezza di Monfalcone fosti chiara. Non ti ho mai amato, ti ho usato. Odiami. Adesso devi odiarmi. Te lo ordino. Non amarmi ancora così forte che poi i sensi di colpa…

Continua a leggere L’AMOR TISICO

DECODER SKY

MARCO CANDIDA Ormai non faceva altro che inghiottirsi notizie su notizie dai canali satellitari. Si teneva appiccicato ai canali satellitari ventiquattrore su ventiquattro. Per un periodo di tempo dopo l’incidente e subito prima che scoprisse di poter percorrere soltanto dieci metri fuori dalla porta di casa (e se è per questo non soltanto quella dell’entrata…

Continua a leggere DECODER SKY

AMOR FOU

PEE GEE DANIEL Il mare era un olio. I riverberi di luce sul suo placido manto cobalto lo rendevano un’infinita distesa di scintillanti schegge d’oro. Il cielo terso e sereno sprofondava dentro gli abissi digradando da quel suo sereno azzurro chiaro nel blu intenso dei pelaghi sottostanti senza far quasi avvertire lo stacco tra i…

Continua a leggere AMOR FOU

LO SPAVENTAPASSERI

MARCO CANDIDA   Rita e Mario vanno sul Colle San Bernardo col sole. Le turbine sono alte, sono cinque e sono bianche, imponenti. Si vedono già dalla strada di Ceva. A Rita sembrano ali d’angelo. E’ bello guardarle girare. Le ali trasformano vento in energia. Rita e Mario partono in bicicletta da Garessio. Portano un…

Continua a leggere LO SPAVENTAPASSERI

DASY

SAVERIO FATTORI 14:30. Dasy ormai non mangiava da 36 ore, era pallida, stava svanendo velocemente, nessun dolore, solo un’infinita stanchezza, venine azzurre segnavano gli avambracci, occhiaie profonde molto simili a quelle degli Emily, sembrava malata dello stesso morbo di cui loro erano portatori sani. Vomitava a scansioni sempre più ravvicinate. In poche ore era arrivata…

Continua a leggere DASY

IL CACASOTTO

PEE GEE DANIEL La paura è un istinto primario, fin qui non ci piove. Come tale resta incancellabile, irrefutabile, indispensabile alla sopravvivenza dell’individuo. Chi la vince non per questo la sopprime, semplicemente la supera (occasionalmente, e mai una volta per tutte). Nei nostri ancestri doveva essere giocoforza ben più allenata che in noi: ai tempi…

Continua a leggere IL CACASOTTO

LA GARA DEI MONDI

PEE GEE DANIEL In termini cronologici era già passato un kalpa completo dall’ultimo contest indetto dalla Lega “Grandi Numi”. Allora il premio era stato vinto da un ragazzino che si era inventato un complesso sistema di planetoidi a scatole cinesi, uno racchiuso dentro l’altro, i cui ospiti (esseri quadridimensionali non corticalizzati e del tutto privi…

Continua a leggere LA GARA DEI MONDI

MISS ERICORDIA

SAVERIO FATTORI I maschi non entrano in chiesa. O comunque la percentuale delle donne che segue la bara e partecipa alla funzione religiosa è nettamente superiore. Alcune donne si tengono il fazzoletto appollottolato al naso come avessero un raffreddore allergico o inalasserro una sostanza che innesca la secrezione lacrimale. I maschi che si tengono all’esterno,…

Continua a leggere MISS ERICORDIA

BREVE RICOGNIZIONE SOPRA UN ALQUANTO SIGNIFICATIVO EPISODIO DI SOVERCHIA MISERICORDIA

PEE GEE DANIEL Nella pur commendevole volontà di venir incontro alle deficienze altrui, che tuttavia non si incorra nel peloso eccesso, ancor più minaccioso dell’handicap medesimo, di cui si fece protagonista quel medico militare alle prese con un reduce di guerra al quale era occorsa la perdita della vista per deflagrazione di una mina nemica…

Continua a leggere BREVE RICOGNIZIONE SOPRA UN ALQUANTO SIGNIFICATIVO EPISODIO DI SOVERCHIA MISERICORDIA