Categoria: LETTERATURA

D’ANNUNZIO – MARINETTI: LA CELLA MONASTICA E L’ALCOVA D’ACCIAIO, L’ULTIMO INCONTRO

PAOLO CASCAVILLA 10 febbraio 1938. I due poeti si incontrano al Vittoriale di Gardone Riviera. Dopo venti giorni D’Annunzio muore. Marinetti trova la forza di partire volontario per il fronte russo nel 1942, ha 66 anni. Muore in una villa sul Garda 2 anni dopo.Marinetti si reca al Vittoriale con amici, in automobile. Si scambiano…

Continua a leggere D’ANNUNZIO – MARINETTI: LA CELLA MONASTICA E L’ALCOVA D’ACCIAIO, L’ULTIMO INCONTRO

LUSSURIA, 5, 26, LUGLIO 2020/ DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI/UNIVERSITÀ DI TRIESTE/ DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA/UNIVERSITÀ DELLA CAMPANIA

IMMAGINI E SCRITTI DI CRISTINA RIZZI GUELFI, GIORGIA BELLOTTI, GABRIELE CROZZOLI, FABIO TRISORIO, RICCARDO DAL FERRO, PIER MARRONE, MAURIZIO BALISTRERI, TOMMASO FRANCI, SILVIA D’AUTILIA, PEE GEE DANIEL, MICHELE ILLICETO, TOMMASO GAZZOLO, MATTIA ZANCANARO, LUCREZIA ROMUSSI, JURI CAMBARAU

Continua a leggere LUSSURIA, 5, 26, LUGLIO 2020/ DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI/UNIVERSITÀ DI TRIESTE/ DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA/UNIVERSITÀ DELLA CAMPANIA

LUSSURIA – EDITORIALE

PIER MARRONE La lussuria ha a che fare con l’immaginazione, che è tanto la capacità di prefigurarsi degli scenari futuri quanto la straordinaria capacità della nostra mente di formare delle immagini mentali. Questo è il motive per cui per la prima volta la nostra rivista apre il numero con ben quattro contributi di artisti dell’immagine.…

Continua a leggere LUSSURIA – EDITORIALE

SEX TOY

PEE GEE DANIEL Antonio e Cleo strinsero amicizia in uno di quei bar per scambisti dalle luci soffuse, i file midi in sottofondo, la clientela maschile pigiata al bancone a muovere sguardi sporcaccioni tutt’intorno, mentre le clienti si rifanno il trucco pesante nello specchietto portatile e si aggiustano i completi dalle scollature ombelicali. Antonio era…

Continua a leggere SEX TOY

SALMO RESPONSORIALE

JURI CAMBARAU Aprì gli occhi lentamente, abbagliato dalla retroilluminazione del monitor di fronte. La sensazione di avere una spugna in bocca non fu spiacevole tanto quanto guardare in basso e scoprirsi seduto, con i pantaloni calati fino alle caviglie, il membro floscio e i peli pubici imbrattati dallo sperma rappreso. Mise a fuoco lo schermo…

Continua a leggere SALMO RESPONSORIALE

L’INFLUENCER CONTRO IL WRANG-WRANG: IL VALORE DI CIÒ CHE DETESTIAMO

RICCARDO DAL FERRO Viviamo nell’epoca degli influencer e ciò ci convince che a spingerci verso un ideale, una convinzione oppure un gesto, sia l’atto di persuasione dell’idolo verso cui nutriamo stima e ammirazione. Se il nostro sportivo preferito, il nostro youtuber prediletto o il politico di grande spessore ci dice che qualcosa è giusto, noi…

Continua a leggere L’INFLUENCER CONTRO IL WRANG-WRANG: IL VALORE DI CIÒ CHE DETESTIAMO

L’ANAGRAMMA IMPOSSIBILE

GIANFRANCO CARBONE Idiosincrasia: sostantivo, elemento del sistema linguistico che designa una persona o cosa qualsiasi (ente, concreto o astratto, singolo o collettivo) nei cui confronti si esprime una valutazione o un giudizio che  è, in sé,  autosufficiente ad esprimerli (a differenza dell’aggettivo che determina la qualità dei sostantivi se qualificativo  o la loro situazione nell’ambiente…

Continua a leggere L’ANAGRAMMA IMPOSSIBILE

ORBIS PICTUS VEL ORBIS FICTUS

FRANCO FERRANT All’inizio c’erano i racconti. La memoria della memoria della memoria. Ritmati e per lo più condivisi. Anche se nessuno giurerebbe che le cose siano andate esattamente come le riferivano. Anche se non furono proprio la mano delicata di Afrodite, empiamente ferita dal mortale, e il soccorso di Febo a sottrarre Enea ai colpi…

Continua a leggere ORBIS PICTUS VEL ORBIS FICTUS

MITOLOGIA DEL LINGUAGGIO: L’INFANZIA, L’ALTRO, IL SIGNIFICATO

SILVIA D’AUTILIA E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch’io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre, chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno per sè, del mondo com’egli l’ha dentro? Crediamo d’intenderci; non c’intendiamo mai! (L. Pirandello, Sei personaggi…

Continua a leggere MITOLOGIA DEL LINGUAGGIO: L’INFANZIA, L’ALTRO, IL SIGNIFICATO

UNA RIFLESSIONE INOPPORTUNA SULL’IMPERSCRUTABILITÀ DELLA VITA UMANA

FABIO CORIGLIANO 1. Nella Grammatica della fantasia, Gianni Rodari, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita, spiega che attraverso il metodo delle ipotesi fantastiche, “tutto diventa logico e umano, si carica di significati aperti a diverse interpretazioni, il simbolo vive di vita autonoma e sono molte le realtà cui si adatta”. Che cosa succederebbe…

Continua a leggere UNA RIFLESSIONE INOPPORTUNA SULL’IMPERSCRUTABILITÀ DELLA VITA UMANA

LA LETTERATURA FANTASTICA E IL PERTURBANTE: TRA ESITAZIONE ED INCERTEZZA ESISTENZIALE

  IVAN CORRADO “Spesso e volentieri ci troviamo esposti a un effetto perturbante quando il confine tra fantasia e realtà si fa labile, quando appare realmente ai nostri occhi qualcosa che fino a quel momento avevamo considerato fantastico, quando un simbolo assume pienamente la funzione e il significato di ciò che è simboleggiato”.

Continua a leggere LA LETTERATURA FANTASTICA E IL PERTURBANTE: TRA ESITAZIONE ED INCERTEZZA ESISTENZIALE

LE PAROLE MI DANNO UN PESO: MANGIAMO QUELLO CHE DICIAMO

RICCARDO DAL FERRO Una dieta povera di parole corrisponde ad un esile orizzonte del mondo. Compito del linguaggio, secondo Gilles Deleuze, è quello di “allargare” l’orizzonte entro cui si svolge il mio mondo. Nel suo Abécédaire, il filosofo francese infatti afferma che la spinta letteraria, ovvero la manifestazione più efficace del peso delle parole, è…

Continua a leggere LE PAROLE MI DANNO UN PESO: MANGIAMO QUELLO CHE DICIAMO

TRADIMENTO

PIER MARRONE   “Non fare giungere alla lingua i pensieri che hai in testa” dice Polonio nel monologo che Shakespeare gli fa recitare nell’Amleto, dove sembra enunciare minimalistiche regole di cortesia. Ma Polonio è anche consigliere di Stato nel regno di Danimarca. Il suo nome deriva da “polus”, che in latino indica il bastone del…

Continua a leggere TRADIMENTO

RESISTERE AL PRESENTE: LE PAROLE COME ARMI DEL FILOSOFO GUERRIERO

DI IVAN CORRADO Ne L’alfabeto di fuoco (2018),  romanzo di Ben Marcus pubblicato pochi giorni fa, le parole uccidono. Letteralmente. L’umanità è preda di un linguaggio tossico, i cui portatori sani sono bambini e ragazzi che provocano la malattia e la morte degli adulti semplicemente parlando. Del resto, è noto come le parole, anche solo…

Continua a leggere RESISTERE AL PRESENTE: LE PAROLE COME ARMI DEL FILOSOFO GUERRIERO