DEL VIZIO AMMIRO IL METODO

IMG_1661

CRISTINA RIZZI GUELFI

Vizio /vì·zio/ sostantivo maschile

Abitudine radicata che provoca nell’individuo il bisogno morboso di quanto per lui è o può essere nocivo: avere il v. di bere, di fumare, di giocare, di mangiare; in senso attenuato, cattiva abitudine, difetto.

I vizi sono come i fiori di plastica acquistati nei grandi magazzini, destinati a vivere per sempre. Germogliano già preparati a non perdere le foglie. La stessa temperatura per tutta la vita. La stessa dose di luce setacciata da una persiana, mai diretta. I vizi sono pollastri confezionati. Attraenti, ma con presupposti inflessibili. Varcano porte di case sempre uguali. La stessa aria. Lo stesso gusto. Talvolta odore di stufato, altre volte di chiuso, spesso di brodaglia. Quando i vizi bussano alla porta, tutto sembra sempre assolutamente normale. Lo schiudersi regolare degli ombrelli, le impronte bagnate degli stivali di gomma, gli zaini degli studenti ricoperti da uno strato di bianco gelido, le barbe incolte e le pelli tagliate, i guanti smarriti appesi all’ingresso della metro. Le case sono le stesse, con i loro plaid rattoppati e sgargianti, le poltrone di vimini con cuscini giganti e le televisioni accese su risse parlamentari e governi caduti a ogni battito di ciglia.

E quando pensi di avere tutte le risposte, i vizi ti cambiano tutte le domande.

IMG_1664

 

IMG_1667

 

IMG_1668

 

IMG_1671

 

ENDOXA - BIMESTRALE FOTOGRAFIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: