METTERE SU FAMIGLIA: È GIUSTO AFFIDARSI AL CASO?

lanima-gemella-esiste-la-leggenda-del-filo-rossoMAURIZIO BALISTRERI

La nostra idea di amore romantico prevede che l’incontro dell’anima gemella avvenga per caso, per una serie di fortunate e inaspettate coincidenze. Romeo, che soffre perché le sue attenzioni per Rosalina non sono ricambiate, viene trascinato al ballo in maschera a casa dei Capuleti: i suoi amici, Mercuzio e Benvolio, vogliono distoglierlo dalla sua malinconia, ma durante quella festa gli occhi di Romeo incontrano quelli di Giulietta e, come in qualsiasi storia d’amore che si rispetti, è subito colpo di fulmine. Viene poi la scena del balcone, la promessa di amore eterno, le nozze celebrate da Frate Lorenzo, l’uccisione di Tebaldo e la morte degli innamorati: chi non conosce la storia? Giulietta che prende il sonnifero per fingersi morta e Romeo che si avvelena pensando che sia morta veramente. Ovviamente Romeo avrebbe potuto sposare Rosalina e Giulietta avrebbe potuto innamorarsi del conte Paride, che l’aveva chiesta in moglie, ma in questo modo avremmo perso uno dei capolavori della letteratura. Anche Anna Karenina incontra il conte Vronskij per caso: suo fratello Stiva è un don Giovanni impenitente e la moglie Dolly intende lasciarlo. Così Anna Karenina viene chiamata a Mosca dal fratello per convincere la cognata a ripensarci: quando scende dal treno c’è il conte Vronskij, in attesa della madre, ed anche in questo caso è amore a prima vista. È un treno che li fa incontrare e sarà un altro treno a separarli per sempre. A confronto con le storie di Romeo e Giulietta e di Anna Karenina e Vronskij, l’incontro di Frank ed Amy raccontato in un episodio di Black Mirror (Hang the DJ, come cantano gli Smiths) sembra una banalizzazione dell’amore. Questa coppia non si incontra per caso, ma attraverso un app studiata proprio al fine di far trovare alle persone la propria ‘anima gemella’. È l’applicazione, infatti, che di volta in volta decide gli appuntamenti e che matcha i candidati, sulla base dei diversi profili: l’anima gemella non si trova subito, ma anche gli appuntamenti meno fortunati sono utili perché servono agli algoritmi per identificare il partner giusto. L’uso delle applicazioni per il dating online come Tinder o quella immaginata dagli sceneggiatori della famosa serie di successo possono ‘naturalmente’ sconcertare perché non sembrano lasciare più molto al caso. Ma se Platone ha ragione e ognuno di noi ha un’anima gemella perché un tempo eravamo uniti alla nostra metà (un corpo con quattro braccia e gambe e due teste), e poi siamo stati separati dagli dei con un fulmine, dovremmo salutare con favore lo sviluppo di queste nuove applicazioni. Infatti, la probabilità di incontrare l’anima gemella aumenterà sensibilmente: potrebbe frequentare altri bar e ristoranti ma anche abitare in un altro punto della città, l’app sarebbe comunque in grado di scovarla, perché avrebbe una capacità quasi illimitata di raccogliere, selezionare e incrociare qualsiasi informazione sul nostro stile di vita e sulle nostre abitudini.

Non abbiamo ancora medicinali o sostanze chimiche in grado di salvare il nostro matrimonio, forse però il love enhancement non è un miraggio. Stare insieme ad un’altra persona è complicato, con l’andare del tempo si cambia, non abbiamo più gli stessi interessi e piano piano finisce che ci allontaniamo. Davanti a noi c’è sempre lo stesso uomo o la stessa donna, con qualche ruga e capello bianco in più, ma non sentiamo più battere il cuore. Forse siamo attratti da un’altra persona e sogniamo di rivivere con lei emozioni che con il nostro partner non proviamo ormai più da molto tempo. Oppure siamo ancora innamorati della stessa persona ma semplicemente non abbiamo più la stessa attrazione sessuale di un tempo: non facciamo più l’amore o lo facciamo sempre meno e senza alcun piacere. Immaginate cosa potrebbe accadere se un giorno potessimo produrre sostanze in grado di mantenere vivo o potenziare il nostro affetto! Con una spruzzatina di ossitocina, l’ormone che produciamo durante il parto o quando siamo innamorati, non risolveremo i problemi di coppia, ma chissà che un giorno altre sostanze non saranno in grado di farlo. Altri farmaci poi potrebbero servire a ridurre la tentazione al tradimento oppure a rendere la vita sessuale con il nostro partner più soddisfacente. Non stiamo immaginando scenari molto lontani o fantascientifici: il Viagra non serve poi a molto se manca l’eccitazione sessuale, ma può aiutare a passare una serata piacevole con il proprio partner. Naturalmente non tutti sono interessati alla medicalizzazione dell’amore: per qualcuno la cosa più importante potrebbe essere quella di uscire da una relazione sfortunata o di dimenticare per sempre una persona. Ma anche in questo caso la biomedicina potrebbe rivelarsi una risorsa: quante persone pagherebbero per cancellare alcuni ricordi dolorosi! Sto pensando evidentemente allo scenario immaginato nel film di Michael Gondry, Se mi lasci ti cancello (Eternal Sunshine of the Spotless Mind): Joel e Clementine si amano, ma dopo l’ennesimo litigio decidono, l’uno all’insaputa dell’altra, di far eliminare tutti i ricordi della loro storia d’amore. Alla fine, però, l’amore trionfa perché Joel e Clementine si rincontrano e pur scoprendo il loro passato, decidono di rimettersi insieme.

Con l’avvento delle tecniche di genome editing, lo spazio per la fortuna sembra destinato a ridursi sempre di più anche nell’ambito della riproduzione. Non è che fino ad oggi nella nascita ci siamo affidati interamente al caso: ad esempio, malgrado i nostri sforzi, i figli non arrivavano? Allora ricorrevano all’aiuto oppure al contributo di terze persone. Sara regala in moglie a suo marito Abramo la sua schiava Agar perché partorisca per loro un figlio: una sorta di gestazione per altri ante litteram. Rebecca invece rimane incinta perché le preghiere di Isacco vengono ascoltate: non avesse pregato, forse non sarebbe mai diventato padre. Chiaramente un tempo non era possibile conoscere in anticipo eventuali anomalie genetiche del nascituro e tanto meno era possibile correggerle: ma ci preoccupavamo comunque che i nostri figli nascessero sani. Era questo, ad esempio, l’obiettivo dei programmi educativi e di screening della popolazione per l’identificazione dei portatori di anomalie genetiche. Oggi, poi, non soltanto possiamo ricorrere alle tecniche di riproduzione assistita, ma possiamo anche decidere se portare avanti lo sviluppo di un embrione sulla base delle informazioni che riceviamo sul suo genoma. Attraverso una diagnosi genetica pre-impianto, cioè precedente all’eventuale trasferimento dell’embrione prodotto in vitro nel corpo della donna, oppure, durante la gravidanza, attraverso una diagnosi genetica prenatale. A volte, possiamo anche prevenire la trasmissione di malattie genetiche: i cosiddetti bambini con tre genitori (three parent-babies) hanno il DNA nucleare dei loro genitori ed il DNA mitocondriale di una donatrice. Questo risultato si ottiene con una tecnica simile a quella di clonazione: la cellula uovo viene fecondata e poi il DNA nucleare trasferito nella cellula uovo della donatrice precedentemente privata del DNA nucleare. Almeno per il momento, invece, è irresponsabile praticare interventi di genome editing sul patrimonio genetico del nascituro: tra l’altro, c’è sempre il rischio di produrre sul DNA modifiche non programmate. Tuttavia, la sperimentazione sugli embrioni potrebbe contribuire a perfezionare questi interventi e a renderli sicuri per chi nascerà. A quel punto non soltanto potremmo correggere eventuali anomalie, ma potremmo anche potenziare la natura umana (human enhancement). Il film Gattaca descrive proprio lo scenario che oggi abbiamo davanti: la possibilità, cioè, di selezionare e costruire il patrimonio genetico delle generazioni future e di prevedere le loro condizioni fisiche e di salute. Vincent viene concepito in modo naturale, sessualmente, suo fratello Anthony, invece, viene al mondo con un patrimonio genetico potenziato.

Se esistesse veramente un app per il dating online simile a quella descritta in Black Mirror molto probabilmente molte persone si iscriverebbero subito. È immaginabile, comunque, che la sua popolarità dipenderà da quanto sarebbe in grado di mantenere quello che i suoi progettatori promettono. Tuttavia, non potremmo criticare moralmente le altre persone: affidarsi alla fortuna potrebbe sembrare una scelta irragionevole, ma quello che a me sembra insensato per altri può avere un significato importante. In fondo, se non è un algoritmo intelligente a scegliere per me ed a guidare la mia vita avrò anche meno occasioni di incontrare l’anima gemella, ma forse mi annoierò di meno e le mie giornate saranno più imprevedibili. Non lascerei poi che la mia felicità dipenda da un’altra persona e potrei avere più tempo da dedicare a me ed alle cose che mi piacciono perché non sarei ossessionato dall’idea di trovare il partner ideale. Per altro, siamo veramente sicuri che esista un’anima gemella? Forse quelle di Platone sono soltanto fantasie puerili e si può essere benissimo felici anche da soli: anzi, è questa la condizione ideale per la felicità, perché non dobbiamo rendere conto a nessuno di quello che facciamo e nemmeno siamo obbligati ad accettare ogni giorno compromessi. Cose simili si possono dire riguardo alla medicalizzazione dell’amore. Alcune persone potrebbero aver voglia di ricorrere a psicofarmaci per non correre il rischio che il loro amore diminuisca o si spenga. Forse sono consapevoli di avere di fronte a sé un partner meraviglioso, con il quale condividono qualsiasi genere di passione e di interessi, o pensano che un’eventuale separazione non farebbe bene ai figli. Altre persone, al contrario, potrebbero avere una maggiore predisposizione al rischio e non essere spaventati da un eventuale calo dell’innamoramento: per loro non avrebbe senso portare avanti una relazione come risultato di una scelta razionale perché quando l’amore finisce, finisce. La vita è piena di occasioni: si chiude una porta, si apre un portone. Si può discutere naturalmente se il partner dovrebbe essere informato che usiamo sostanze o farmaci che potenziano il nostro innamoramento: forse in una relazione certe scelte dovrebbero essere condivise. Cosa accadrebbe, del resto, se una persona ricorresse al potenziamento dell’amore e l’altra invece si affidasse completamente al caso? Ma, a parte questo, non sembra esserci nulla di intrinsecamente immorale nell’affidarsi alla fortuna nelle questioni che riguardano l’amore.

Le cose cambiano radicalmente se pensiamo agli interventi di genome editing: quello che in questo caso fa la differenza è il fatto che le nostre scelte possono avere una ricaduta molto importante sulla vita delle altre persone. Affidandoci alla lotteria genetica possiamo condannare le persone che vengono al mondo ad un’esistenza di infelicità e di sofferenza. Naturalmente in passato non potevamo essere responsabili della nascita di bambini con gravissime anomalie genetiche perché non avevamo le conoscenze necessarie per prevedere la condizione di salute del nascituro. Ma oggi possiamo conoscere dal momento della fecondazione le caratteristiche genetiche del nascituro e probabilmente molto presto saremo in grado, con il genome editing, di correggere e potenziare il suo genoma. Possiamo anche non farlo, ma domani le generazioni future potrebbero chiedere conto delle nostre scelte e considerarci responsabili per la sofferenza nel mondo che potevano, ma che non abbiamo voluto ridurre.

Endoxa ENDOXA - BIMESTRALE FILOSOFIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: