GLI ENDOXA IN ARISTOTELE E OGGI

ENRICO BERTI

03histos

Premessa

Da un po’ di tempo si fa un gran parlare di endoxa, sia tra gli studiosi di Aristotele o di filosofia antica, sia tra i filosofi in generale. Per quanto riguarda Aristotele, il fenomeno è probabilmente una conseguenza dell’interesse, sviluppatosi tra gli specialisti, per la sua dialettica, dopo che alcuni studi fondamentali della seconda metà del Novecento (Owen in Inghilterra, Aubenque in Francia, Wieland in Germania) hanno mostrato come lo Stagirita si serva spesso di questa tecnica argomentativa nei suoi trattati, mentre altri ne hanno contestato l’importanza. Continua a leggere “GLI ENDOXA IN ARISTOTELE E OGGI”

L’AGORÀ POSSIBILE. CITTADINANZA E SPAZIO PUBBLICO

PAOLO CASCAVILLA

agor02-2

Conoscenze e trasparenza. Platone nel Protagora dice che l’arte politica appartiene a tutti. Gli uomini cercano di radunarsi e salvarsi e fondano la città, ma appena si incontrano, iniziano a maltrattarsi, privi di arte politica. E si disperdono di nuovo. Zeus teme l’estinzione della specie e invia Hermes, per portare tra gli uomini senso del rispetto e della giustizia, far nascere ordinamenti civili e legami, creare amicizia e fratellanza. “Ma – chiede Hermes a Zeus – in che modo distribuire rispetto e giustizia? Come le altre abilità tecniche, che sono state date, non a tutti, ma ad alcuni?” “A tutti – risponde Zeus – a tutti bisogna dare quest’arte: perché altrimenti non potranno esistere le città”. Continua a leggere “L’AGORÀ POSSIBILE. CITTADINANZA E SPAZIO PUBBLICO”

L’INTRADUCIBILE

FABIO CIARAMELLI

questionjoycesmall1

Umberto Eco scelse un titolo brillante e profondo per il suo libro sulla traduzione: Dire quasi la stessa cosa.

Perché “quasi”? Per quale ragione, risulta strutturalmente impossibile, passando da una lingua a un’altra, e dunque traducendo, dire proprio la stessa cosa?

Ma quale potrebbe essere “la stessa cosa”? Quale potrebbe essere questa misteriosa “cosa” che tanto la nostra lingua quanto le lingue straniere ricoprirebbero o rivestirebbero, ma che, imperturbabile a queste vicissitudini, dovrebbe mantenere in sé stessa inalterata la sua essenza originaria? Continua a leggere “L’INTRADUCIBILE”

ALLA FINE DI UN SOGNO STORICISTA

RICCARDO DAL FERRO

OnSycMOp

Stanotte ho sognato di poter prevedere, sulla base delle mie conoscenze storiche e filosofiche, tutto ciò che accadrà nei prossimi dieci anni. Fortunatamente poi mi sono svegliato tutto sudato.
Quant’è forte la tentazione di poter utilizzare le proprie competenze per avere chiaro quello che avverrà di noi e del mondo tra qualche giorno, anno, decennio? La tentazione è forte perché il futuro è l’incognita che tutti condividiamo e sulla quale ogni essere umano, nessuno escluso, cerca di capire qualche cosa di più, fallendo miseramente ad ogni occasione. Continua a leggere “ALLA FINE DI UN SOGNO STORICISTA”

MEGLIO GLI ENDOXA DELLE FAKE NEWS

ANTONIO DA RE

aristotele

  1. Il duplice livello degli endoxa

Il buon vecchio Aristotele la sapeva lunga. Lo testimonia la sua originalissima teoria della doxa, dell’opinione. Da un lato egli è preoccupato di riscattare il valore della doxa: anche se l’opinione non è come tale garanzia di verità, non ne consegue che essa vada guardata con sospetto e anzi buttata al macero, come consigliava Platone (o, meglio, una superficiale interpretazione del suo pensiero). D’altro canto, da questa opportuna messa in guardia non deriva la conclusione semplicistica che tutte le opinioni abbiano lo stesso valore, che siano tutte da collocare sullo stesso piano, che insomma siano di per sé giustificate per il semplice fatto di darsi: vi sono opinioni più o meno vere, e anzi alcune sono palesemente false. Continua a leggere “MEGLIO GLI ENDOXA DELLE FAKE NEWS”

L’INGIUSTIZIA DELLA BELLEZZA

PIER MARRONE

bar-refaeli-pubblicita-superbowl

La verità è una promessa così grande da poter essere solo infranta. Così mi viene spesso da pensare. Eppure, o proprio per questo, ne siamo continuamente alla ricerca. Viviamo giudicando. È una attività inevitabile e fa semplicemente parte del nostro orientamento nel mondo. Continua a leggere “L’INGIUSTIZIA DELLA BELLEZZA”

SULLE OPINIONI LARGAMENTE DIFFUSE: DAL “PRE-GIUDIZIO” AL “PREGIUDIZIO” (SUGLI ALTRI)

FERDINANDO MENGA

20130923-clash

I.

Quasi come per una sorta di marchio di fabbrica, gli éndoxa, a partire dalla definizione stessa che Aristotele ne offre – “elementi accettati da tutti, o dalla maggioranza, o dai sapienti, e tra questi o tra tutti, dai più noti e illustri” (Topici, I 1, 100 b 20) –, paiono destinati a non poter riposare su una circoscrizione semantica univoca o su un maneggiamento inequivoco. Continua a leggere “SULLE OPINIONI LARGAMENTE DIFFUSE: DAL “PRE-GIUDIZIO” AL “PREGIUDIZIO” (SUGLI ALTRI)”